Post

Picnic Pack

Immagine
Come l’ansa di un fiume, il porticciolo riparo dal mare aperto. Sempre viaggio ma planando sui dettagli del paesaggio. Il paesaggio è fatto di cose e persone. Niente fretta, niente aerei, levarsi le ali può servire a ritrovarsi e ritrovare. Ritrovare rumori semplici, sapori e arie dirette, profumi e visioni di come la vita dovrebbe essere sempre.Per questo vi invito a un viaggio speciale: un picnic. Ché poi con la tropicalizzazione del clima, almeno perdurano le condizioni di quella  che è una delle più belle attività da relax, internazionale, trasversale, interclassista e multietnica che attraversa gli anni che passano e le stagioni che cambiano anche quando gli pare un po’.
Cosa è un picnic? Sì ecco, trattasi di qualche persona con legami xy o zw o come volete voi che decide di andare a mangiare informalmente da qualche parte, e si prepara. Un sabato del villaggio che dovrà stare in un cesto, cestino anche direttamente nella bauliera della macchina o altro mezzo di locomozione social.

Berlino ergo Sum

Immagine
Atterri a Berlino, guardi in su e subito ti viene da pensare Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin - Wim Wenders 1987) così, per default.  Anche se non c'entra niente. Niente angeli in giro, però... sarebbero impotenti come nel film. Nessuno da salvare. Berlino un palcoscenico infinito. Ognuno un caratterista, uno spettacolo dinamico di una città eterna prestata alla gente libera fatta di blauäugigen, rasta, giacca e orecchie timbrate su corpi alla volta ambrati, tatuati, fluo, flash, zooom!

Cieli sotto Berlino, strade per muoversi e trasporti sopra, sotto e nel mezzo delle strade, allora sí che guardi in su e vedi luci chiare nello scuro come nel quadro di Magritte che tirano ombre lunghe del nord fatte apposta per persone alte lanciate sulle biciclette con manubri e sellini alzati all'inverosimile. Padroni di cani padroni misto di piedi ruote e rotaie nei mezzi pubblici che si muovono al suono di vocali e consonanti S-bahn, U-bahn, M-bahn. Berlino ergo SUM a moving s…

Bianchi di gran classe: Kuenhof

Immagine
La stradina in salita, ripida, da prendere per raggiungere Kuenhof potrete forse anche perderla al primo tentativo: va su con una curva a gomito piuttosto improvvisa dalla strada principale. Ma se avrete la pazienza di imboccarla, vi porterà diretta a vini bianchi di gran classe. Misurati, eleganti e assolutamente personali.

In una casa e podere che furono proprietà del vescovo di Bressanone già attorno al 1100, Brigitte e Peter Pliger (la cui famiglia possiede Kuen Hof da 200 anni) hanno iniziato a produrre nel 1990 da poco più di 6 ettari vitati, reimpiantati una trentina di anni, fa i loro 4 vini bianchi: un Sylvaner, un Riesling, un Traminer e un Veltliner.




Il terreno che circonda il podere è ricco di minerali, come quarzi e scisti, le vigne allevate col metodo del guyot a file piuttosto fitto. Le più alte si trovano a 720 metri e sono su terrazzamenti assicurati da muretti a secco.

Da oltre 15 anni l'azienda porta avanti pratiche bio alternate ad alcuni preparati biodinamici in …

La mia prima volta

Immagine
Le memorie, anche se non proprio la memoria, aumentano con l’età...fortunatamente ho attraversato il tempo degli eccessi, che si ricordano meglio e che in un certo senso auguro a tutti per non avere un elettromemoriogramma piatto. Gli eccessi sono certo le esagerazioni; di vino di cibo, pure di amore. Eccessi di sentimenti portano scarti importanti sul sismografo della vita ma chi si augurerebbe di NON averne? Ecco però che anzi i sentimenti SONO di per sé degli eccessi augurabilissimi in un trend che riempie di cose, ora sempre più virtuali. Per questo sono importantissime da ritrovare le prime volte, quelle matrici dove i propri sentimenti per quella cosa lì  che sta accadendo la prima volta si affacciano come gli angeli ai bordi della cupola della Cappella Sistina e vogliono capire cosa succederà. La prima volta, che tecnicamente è una volta come un’altra, è dipersé sempre più zeppa di percezioni che indicheranno la bussola per quello che sarà a venire. Chissà,  se mai c'è una …

Lassù nella Doc Isonzo

Immagine
Moraro è un paesino del goriziano che prende il nome da morar, che in friulano significa "gelso", data l'antica attività di coltivazione del baco da seta in zona. Murva è "gelso" in sloveno, ma Murva, dato che lavorava i bachi da seta, era anche il soprannome della bisnonna di Alberto Pelos, proprietario tuttofare, insieme alla moglie Renata, dell'azienda vinicola Murva di Renata Pizzulin.
Nata nel 2009, la prima vendemmia risale al 2011, si estende per 4 ettari vitati tutti all'interno della Doc Isonzo del Friuli con una produzione di circa 15 mila bottiglie.

Alberto, di formazione tecnica enologica, dopo aver lavorato per parecchi anni in una famosa cantina dei dintorni, ha deciso di mettersi in proprio e di recuperare i terreni di famiglia, che suo nonno aveva destinato ai seminativi. Moraro si trova nella parte più alta della valle del fiume Isonzo e le vigne sono racchiuse fra le marne del Collio e i terreni calcarei del Carso.
La nostra visita cominc…

LoveatTravel - Fast and Curious

Immagine
L’ora è fuggita… e muoio disperato… macché… semplicemente la inseguo e fuggo con lei!
14 giorni, 8 città, 8 aerei, 9 incontri di lavoro, plastic food aereo, Olanda India Cina nel piatto e nel bicchiere. Un continuo salire e scendere fra hotel taxi, pulmini, treni pneumatici auto elettriche, non manca neanche l’incontro con un pogo. E mal di schiena con agopuntura inclusa.
Già dal primo volo un assaggio di India con il curry nel cuore. Mulini a vento e biciclettelasciano il passo ad altre biciclette e mucche moto autobus in circolazione indefinita.


A Delhi con 45° si deve stare attenti a non ustionarsi solo muovendosi e, sembrerà strano, il piccante risulta meno “caldo”. Biryani a gogò (riso e verdure con pollo o altra carne oppure senza carne e più verdure) con yogurth e altreamene salsette bianche e rosse, ma pure arancio se fatte con carote oltre che con mille spezie, una più buona dell’altra. Tutto da raccattare con il naan, morbida focaccina-cucchiaio cotta nel forno tandoori, con o …