Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2013

Una giornata buona, pulita e giusta - domenica 30 giugno con Slow Food

Immagine
LOVEAT VI CONSIGLIATenuta La Badiola, domenica 30 giugno

Ci meritiamo un cibo “buono, pulito e giusto”. E dal motto di Slow Food nasce un appuntamento domenica 30 giugno dalle 18,00 in poi presso la Tenuta La Badiola, antica proprietà ad oggi della famiglia Moretti. Il rispetto del territorio e il suo fondersi con le radici culturali più profonde e vere saranno il tema della giornata, che vedrà l'incontro tra i Presidi di Slow Food e i prodotti dei Mercati della Terra.
Laboratori del Gusto, Cibi di Strada, la Banca del Vino di Pollenzo e un grande mercato all'aperto, il tutto immerso nella meravigliosa campagna toscana. Ospite d'eccezione Alain Ducasse, cuoco di fama internazionale.

PROGRAMMA domenica 30 giugno Ore 17.00 – 23.00
IL MERCATO DI TENUTA LA BADIOLA | Ingresso libero

Mercato con i Presìdi Slow Food della Toscana e la Comunità del cibo della Maremma

Presìdi Toscani Slow Food: Agnello di Zeri | Biroldo della Garfagnana | Bottarga di Orbetello | Fagiolo rosso di Lucca | Mal…

Italiani McCaroni - Parola di un viaggiatore romantico

Immagine
FUNA OVVERO PAROLA DI UN VIAGGIATORE ROMANTICOItaliani MacCaroni

A dire il vero mi capita spesso di scrivere mentalmente dei pezzi, o anche delle scenette comiche in cui recito più parti, spesso mi faccio ridere. Tutto questo capita quando sono in auto, in aereo (qui è più sicuro perché non guido e non riesco a telefonare…) o anche quando ho davanti qualcuno di così noioso e scontato che l’unica cosa da fare è pensare ad altro (qui è più pericoloso diplomaticamente perché gli posso ridere in faccia mentre lui dice cose presunte serie).
Avendo una media di 80.000 km anno in auto e 120.000 km in aereo quindi ho un bagaglio teorico di materiale quasi enciclopedico, meno male che le cose me le scordo allegramente, altrimenti rischierei di essere palloso pure a me stesso e allora che farei? Sarei fritto… eh sì, ma in che olio? Perché il punto di fumo è importante: ad esempio: se vedi del fumo lontano ti viene fatto di pensare che forse all’orizzonte non sia vietato fumare… oppure quando ti …

Mangiamo e beviamo quello che ci meritiamo

Immagine
SPUNTI DI VINOCome ti abbino il Cacciucco Imperiale

Troppo spesso si dimentica quello che ci spetta di diritto. Ad esempio: vivere (davvero), costruire, gioire, amare, essere amati, godere dei piaceri della vita (e sono così tanti!). Ovvio è che fra i miei piaceri preferiti rientrano cibo e vino e stavolta partiamo dal cibo. A lavoro ho scoperto una meraviglia, il CACCIUCCO IMPERIALE... what? Easy... Aglio, peperocino, prezzemolo, olio (buono) e pomodoro. Portate rapidamente la salsa verso un carattere determinato e poi prendete un astice o meglio un'aragosta, diviso a metà mantenendo i succhi e cuocetelo nell'intingolo pochi minuti per parte. Magia!!! Vero, è costoso, ma consideriamo che con l'intingolo avanzato e il carapace (pestato nel sugo e poi tolto) ci salteremo una gustosa bavetta o tagliatella per il pranzo del giorno dopo... DOPPIA MAGIA!
Abbinamento: DUBL Bollicina rosè dei Feudi San Gregorio. Colpo di fulmine assicurato...Laura Beneforti

Macea - Azienda Agricola

Immagine
VINO BIODINAMICO | Macea

Dici "Macea". Leggi "Seguire la natura". Ci perderemo poi in discussioni, presentazioni e biografie, ma il senso di quest'azienda sta in quelle tre parole magiche. Seguire la natura. 
Chi non è andato oltre la seconda riga ha comunque colto ciò che ci premeva comunicare. Da Macea la natura non si ingabbia, non si vincola, non si rinchiude in trattamenti codificati, si segue.
Già, si segue. Perché a Macea si produce dell'ottimo vino biodinamico. Biodinamico perché consente di ottenere il miglior risultato con interessanti economie gestionali e con il minor impatto ambientale. Sebbene sia alquanto erroneo parlare di impatto ambientale. Un corpo estraneo impatta. Un elemento infestante disturba e soffoca. La vigna biodinamica invece è un ecosistema equilibrato, che ridefinisce lo spazio interno e di confine come un tutt'uno armonico.

Ciò che intendiamo dire è che qui uno si sente un po' come tra i filari bradi di un anziano nonno c…

Genova, città di poeti, marinai e cuochi.

Immagine
IL FILOLOGO IN CUCINA | La Cima alla Genovese: prima cantata in rima e poi cucinata.

La tradizione della cucina regionale è un inesauribile tesoro: ne saltano fuori ricette antiche e ormai dimenticate, così come piatti che ti identificano con una intera comunità. Genova, terra di mare e di poeti, ci regala una pietanza gustosa, che andiamo ad assaggiare in rima e poi a sperimentare...buona lettura da Loveat!
A ÇIMMA PINN-A Bòggi e tritolla, ma non troppo fin, do magro de vitella, do lacetto, mëzo çervello, Sbatti in tè 'n tiänin sei êuva fresche, grattighe ûn tocchetto de parmixan, azzònzi puïsci e infin remescia, chêuxi e versa in tè 'n sacchetto de scorsa de vitella con l'oëxin serròu e ben cûxio con do spaghetto. Doppo circa ûn pâ d'öe ch'a l'ha boggïo, mettila in pressa e, frèida, finn-a finn-a tàggila a fette e mèttighe all'ingïo due brocche de porsemmo e gelatinn-a. Ed ecco pronto in töa ed applaudïo ô re di piatti frèidi, a çimma pinn-a! (da Aldo Acquarone, Sûnetti e …

Gioco del Piacere dell'Olio - Slow Food

Immagine
FOOD NEWSIl piacere di gustare

Comunicato dell' Ufficio Stampa Slow Food Lucca Compitese Orti Lucchesi che divulghiamo con piacere.
LOVEAT

13 GIUGNO IL GIOCO DEL PIACERE DEL'OLIO  EXTRAVERGINI A CONFRONTO 1153 commensali in tutta Italia hanno partecipato all‘edizione 2012 del Gioco del Piacere dell'Olio Extravergini d'Italia a confronto, un appuntamento che ha mobilitato il corpus associativo di Slow Food su tutto il territorio nazionale alle prese con i migliori olii d’Italia.
E quest'anno saremo di più!!

Le regole del gioco: Partecipano quattro oli recensiti nella guida degli extravergini 2013
- si "testano" i quattro oli, (alle ore 20) “alla cieca” (etichetta coperta);
- si esprime il giudizio per ogni olio degustato;
- si comunicano alla sede Slow Food di Bra i punti raccolti da ogni olio;
- alla fine della cena la sede Slow Food di Bra comunica ai ristoranti la classifica nazionale con il numero dei voti per ogni olio.
A Lucca si gioca al Ristorante Antica …

L'ultimo amore non si dimentica mai: Savennieres Roche aux Moins 2009 e Stefano Amerighi Syrah 2009

Immagine
I  ♥ WINEL'ultimo amore non si dimentica mai

La vita regala sorprese bellissime, come quella di incontrare dei vini che ti fanno viaggiare...
Loira, Chenin Blanc, Claude Papin. Il Savennieres Roche aux Moines 2009 è stato una rivelazione. Vino cresciuto ascoltando i ritmi della terra... Papin segue le regole della biodinamica, come il suo più noto collega Joly, contribuendo a rendere la Loira regione di grandi bianchi secchi e minerali.
La piacevolezza della mela golden  e  la vaniglia fanno scattare il colpo di fulmine, ma il vero amore  prende vita grazie ad un lunghissimo e piacevolissimo finale minerale che non  si dimentica e che diventa ancora più piacevole ad un secondo assaggio.
Le cose buone, fatte con rispetto, non sono buone solo nell'immediato, ma restano forti anche nel ricordo, quasi si amplificano e diventano delle ESPERIENZE.
Questo grande Chenin Blanc ci porta  a spasso sui terreni scistosi della Loira, un ospite perfetto...

"La vita del viticoltore è un…

Azienda Agricola Biologica Nico: amore per il cibo, rispetto della terra, sapori di una volta

Immagine
OSSERVATO SPECIALEDove il biodinamico è di casa



Arriviamo all'Azienda Agricola Biologica Nico un bel pomeriggio di questa primavera che tanto primavera non sembra. Nonostante la temperatura non ci incoraggi, decidiamo di fermarci all’aperto, su un terrazzamento verde dove è stato apparecchiato per noi.

Subito capiamo di aver scelto bene:  la vista dei dintorni, colline di un verde sfacciato, ci ripaga della salita lungo il viottolo sterrato e poi su per gli scalini.
I padroni di casa, Federico Martinelli ed Elena Girelli, ci accolgono insieme alla loro festosa tribù: tre bellissime bimbe (Cloè, Tideg e Anais) e il vero padrone di casa, Tobia (il cane, ndr). Ci sediamo intorno al tavolo e subito ci sentiamo a nostro agio. Come fossimo a casa, ma senza smog e traffico.
Federico e Elena hanno deciso di vivere proprio qui ad Orbicciano, su una collina boscosa a 15 km da Lucca, una scelta impegnativa e controtendenza per due giovani. Di recente  la rivista "Vita" ha scritto di lo…

Perdersi in un Labeerinto di birre

Immagine
♥ WineLaBeerinto





Dopo la recente inaugurazione, lo staff di Loveat-Italy si è recato presso LaBeerinto, il nuovo BeerShop di Lucca, a S.Anna, sulla via Pisana al numero 887.
Appena entrati la sensazione è molto positiva. L'ambiente ha un giusto dosaggio di componibilità geometrica svedese e bricolage amatoriale. Il regno della brugola e il principato di Geppetto si sono incontrati. Il primo ha donato l'asettica precisione di montanti e scaffali, il secondo le antine artigianali, tanto pratiche, quanto brutali. Il tutto fornisce allo Shop la giusta ruvidezza che si richiede ad un mastro birraio.
Pertanto dopo il primo positivo impatto non possiamo esimerci dal fare i complimenti a Gil e Simone, i titolari del punto vendita, che ben volentieri ci raccontano qualcosa del loro locale.
Hanno scelto di partire con 162 varietà di birra. Un numero elevato per chi è abituato allo scaffale grigio della grande distribuzione, ma qua troviamo due suggeritori esperti che sanno consigliare gu…

Io, tu & le erbe - Ricetta Raccontata (parte III ed ultima)

Immagine
STORIE DI CIBOIo, tu & le erbe (il gran finale!)



SI PARTE

Si lava la bestia in acqua corrente e la si asciuga con un canovaccio di lino bianco. Ci laviamo le mani. Se devo dirvi anche di asciugarle, ditemelo subito che così smettiamo e non ne parliamo più. Ci vuole una bella padella di ferro o alluminio. Non fate i furbi perché non posso vedervi e usate altro pentolame, sarebbe come bere in una scarpa. Questa è la maniera di partire male.
Ci vogliono le seguenti erbe e spezie ecc… Vedere l’elenco.
5 foglie di salvia 1 ciuffo di prezzemolo 8 foglie di basilico 1 rametto di rosmarino 2 spicchi d’aglio 1 cipolla bianca del diametro di cm 5/6 1 peperoncino rosso 10 chicchi di pepe verde 1 pizzico di cumino 1 pizzico di menta romana 1 pizzico di gnepitella ½ pizzico di origano ¼ di pizzico di finocchio ¼ di pizzico di peporino ½ pizzico di paprica dolce ½ pizzico di maggiorana 22 capperi 2 pizzichi di sale 1 foglia di alloro 1 bacca di ginepro
Il tutto va frullato, messo in una terrina e ricoperto di olio extr…