Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

L'editoria che fa bene alla cucina: il caso di Cook_Inc

Immagine
SCORRENDO LE PAGINEQuando voltar pagina è un piacere infinito

Ci piace pensare che la sua creatura, Cook_Inc, le assomigli, che come lei giri il mondo, in preda ad una intelligente curiosità, alla ricerca di luoghi interessanti, di spunti imperdibili da condividere, di incontri che fanno la differenza.
Ci piace pensare che Cook_Inc, proprio come lei, si senta comunque radicato all'Italia anche quando guarda all'estero, alle esperienze culinarie e gastronomiche importanti che si svolgono nell'intero globo, alle tendenze del momento, quelle che resteranno e quelle che la moda spazzerà inesorabile.
Lei, naturalmente, è Anna Morelli, ideatrice e creatrice di una delle riviste più curate e sofisticate (nel senso positivo del termine) che potrete trovare per quanto giriate.

Anna è nata e cresciuta a Brussels, ha conosciuto suo marito, olandese, a Madrid e hanno poi vissuto a Londra. Nel 1998 vennero in Italia a trovare i genitori a Lucca e forte fu il desiderio di ritrovare le radi…

Vigne di mare. Beate loro lassù a guardare

Immagine
IN GIRO PER CANTINEQuando ti trovi ad invidiar le vigne...


Esistono vigne di collina, vigne che osano di più e se ne stanno arrampicate sulla montagna e vigne che si affacciano sorridendo sul mare. Le vigne di Heydi Bonanini, invece, sono vigne che, curiose di guardarsi intorno, spuntano e si protendono dai crinali rocciosi della Liguria per puntare lontano, verso l'orizzonte. 
Vigne tenaci e salmastre, espressione di varietà locali, che da centinaia di anni abitano da quelle parti (a differenza dei moltissimi turisti piovuti negli ultimi decenni da quando questi posti sono stati considerati alla moda).  Vigne che i "vecchi" del posto coltivavano per uso proprio, per produrre un vino schietto, forse semplice e primitivo, certo non perfetto, ma che era senza dubbio lo specchio di quel territorio. Siamo alle Cinque Terre, paradiso naturale costiero, uno dei paesaggi che ci invidia il mondo intero, ospiti dell'Azienda Agricola Possa di Heydi Bonanini, nato e cresciuto a Rio…

Non sarò mai una food blogger

Immagine
CIBO TU MI DISTRUGGIPunti di vista

Ringraziamo Sara che, ottima scrittrice e cara amica, ci regala la sua idea sul cibo e la scrittura intorno al cibo. Con una bella ironia, che è il sale del mondo.

Tutto è cominciato un sabato mattina di settembre, in un bar del centro storico di Lucca di fronte due tazzine di caffè: Amelia: “Sara, mi piacerebbe che tu scrivessi qualcosa per Loveat...” Io (immaginate uno sguardo a punto interrogativo): “Amelia, ma su Loveat scrivete di cibo... io scrivo di cultura, eventi e viaggi... potrei mai scrivere di cibo, io? Lo sai che se mi chiedono preferisci il pollo o il tacchino, non so che dire perché non riconosco la differenza...” Amelia: “Non è vero, su Trippando in qualche modo hai anche scritto di cibo. Scrivi qualcosa di ironico, parla del tuo rapporto tragicomico col cibo... è stimolante avere anche punti di vista diversi, non convenzionali.”
Ho tirato giù il caffè tutto in un sorso e ho raccolto la sfida.

Quindi eccomi qua, con questo guest post che n…

Da Kostas, ossia l'arte del mangiare e bere bene in compagnia

Immagine
IN GIRO AD ASSAGGIAREIl simposio divino
Ci sono luoghi, incontri, atmosfere e sapori che ti colpiscono e ti invogliano, appena puoi, a scriverne per condividere la scoperta. Questa mattina mi è capitato un incontro che non resisto oltre a raccontarvi. Ma andiamo con ordine. Questi i fatti. Una vecchia trattoria lucchese, nel cuore della città. Negli ultimi anni ha visto alternarsi numerose gestioni che, per vari motivi, non sono riuscite a far breccia nel cuore dei lucchesi.  Sono certa che qualcosa però sta per cambiare: è infatti piovuto qui da pochi mesi, per lanciarsi in una nuova avventura, Kostas, gestore del celebre ristorante greco "Taverna di Kostas" che per più di un ventennio è stato punto di riferimento della città di Pisa, ma che richiamava anche avventori da tutta Italia. 

La sua storia è quella di un ragazzo che, arrivato nel nostro paese per studiare, dopo aver conseguito una laurea in informatica, decise di dedicare la sua vita alla ristorazione. E da lì, appunt…

Welcome 2014 (con un occhio al 2013)

Immagine
UN ALTRO ANNO SE N'E' ANDATOIl 2014 con Loveat

Noi di Loveat-Italy, blogger anomali, non amiamo particolarmente i resoconti e bilanci. Innanzitutto perché siamo timidi e scontrosi (quando ci pare).
Adoriamo poi guardare al futuro, pensare insieme a voi a cosa scriveremo, pregustare ciò che verrà. Ma il 2013 è stato il "nostro" anno: era maggio e Loveat nasceva dalla passione di due amici per la cucina e per il buon vino. Abbiamo provato, sperimentato, cucinato, assaggiato e girato tanto per conoscere produttori e ristoratori, chef e scrittori, critici e giovani coraggiosi imprenditori del settore.
Molta acqua è passata sotto i ponti, siamo cresciuti (almeno un po') insieme alla nostra creatura, abbiamo trovato lungo strada nuovi collaboratori (Il Funa, viaggiatore romantico,  e Roberto Giomi che non finiremo mai di ringraziare per la realizzazione di WineShot). Altri ne arriveranno: ci piace pensare di dare voce alle tante voci di persone capaci che conosciamo e leg…