Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

Gli orti di Federico

Immagine
INVIATI MOLTO SPECIALI│ #luccabiodinamica 

Lucca – Via del Casone è un nome tondo, rassicurante, che suggerisce il benestare, la costanza, lo sforzo inseguito e ripagato giornalmente. A legare il suono delle tre sillabe, più che il semplice faticare, è il lavorare sodo nel proprio, padroni di se stessi, pensieri e gesti compresi. Etica contadina, insomma, con tutte le certezze e ristrettezze mentali, ma non certo umane, provvista di un senso della durata e di un’idea di ciclo che, volenti o nolenti, si chiude, ricompattando storie e vocazioni. Via del Casone sta a Saltocchio, la frazione lungo la riva del Serchio e la statale del Brennero, pochi chilometri a nord di Lucca. Strano un paese della piana che non abbia ricevuto il nome di un santo. La vulgata dice di torri d’avvistamento, parte di un sistema di comunicazione visivo e sonoro (fuochi, bandiere e rintocchi di campana) che difendeva i domini della Repubblica di Lucca mentre l’etimologia propende per saltus nella doppia accezione …

Indovina chi viene a cena (al Manzo)?

Immagine
INDOVINA CHI VIENE A CENA│ Fra poeti e versi greci e latini 

Metti che hai passato 5 anni intensissimi della tua vita in un posto (il Liceo Ginnasio N. Machiavelli in Lucca). E metti che una sera di tanti, tantissimi anni dopo ti ritrovi a 5 metri dal famigerato portone a chiacchierare del più e del meno (e di cibo e vino of course) con blogger, ormai amici, che condividono con te la stessa passione. E quel posto che conosci a memoria assume altri sensi e sapori e suggestioni. Quel posto che vi raccontiamo a tre (anzi 4, quasi 5) mani è l'Osteria del Manzo. Assaggiatene qualche boccone da noi e andateci. E se sentirete qualcosa di magico nell'aria, be'... chiedetene spiegazione a Cicerone, Tacito e Ovidio che alle vostre spalle complottano nella famosa scuola cittadina da oltre due secoli. Buon appetito con le parole dei "Posticini", di Riccardo, nonché le mie...

GIACOMO E VANESSA – TI CONSIGLIO UN POSTICINO
Spesso ci troviamo seduti al tavolo di alcuni ristoranti dov…

Una giornata di chilometrica follia...

Immagine
FUNA IL VIAGGIATORE ROMANTICOIl tempo è ciò che mangi e bevi

Capitano a tutti le giornate di ordinaria follia. Quelle giornate in cui sei fuori da ogni grazia di dio, come si suol dire, e in cui faresti stragi. Ma le pacifiche stragi di Loveat sono di cibo e vino... e il nostro Funa, viaggiatore romantico, macina km e golosità!
Una giornata di kilometrica follia. Ossia il tempo è l’aria che ti circonda (Yoga), ma anche quello che mangi e bevi. E non farti prendere dal ranger (Yoghi)
Ore 7,30 Colazione cappuccino con i cappuccini

Alzataccia. Dopo i gesti automatici e feticistici da automobilista compulsivo: aggiusto volante, sedile e specchietto, dove è la cuffia per il telefono, gli occhiali da sole eccoli qua, imposto il navigatore, parto. Oggi autostrada a gogò. Esco da Milano mentre in migliaia entrano. Le espressioni che intravedo in chi incrocio mi dicono che devo assomigliargli un po’. Ohibò. Mi meriterei una colazione ma il frastuono da pollaio dell’autogrill no. E allora? Milano-…