Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

A lezione di quinto quarto

Immagine
Io andavo bene a Italiano, ma non capivo niente di Matematica; i professori dicevano che scrivevo bene ma non mi applicavo e per questo non potevo riuscire a matematica. Così i mie genitori mi segnarono al Classico (ove c’era in effetti da segnarsi…) Da lì in poi tutte le volte che incontro i numeri mi confondo.
Ad esempio se si prendono i 2/4 anteriori della bestia  e si aggiungono i 2/4 posteriori con questo fanno 4/4 e, se ho copiato bene, questo fa 1. E lo diamo ai ricchi. Evvai, sembrerebbe che la bestia fosse finita, ma poi se aggiungo 4 stomaci e li do ai poveri, mi suggeriscono che ho il 5/4. Cioè 1 + 4  fa 5/4? Mah…


Sono andato giovedì sera a studiare ai Diavoletti dove c’era Leonardo Torrini, trippaio a Firenze. Ho provato a farmelo spiegare con dei piatti tondi, che è più geometria quasi piana che matematica, ma il mistero si infittisce.
Frazionando (eh eh..) la sinottica che collega la punta della lingua alla punta della coda passando come per una serie di volute di alambicchi…

Guida al giro del mondo

Immagine
Oggi una recensione di un libro di viaggi, anzi del Viaggio, quello intorno al mondo, tanto per vedere se è vero che la terra è tonda, per vedere se ce la fai, in fondo: per vedere.
E anche per sentire l'aria che si muove. Da ovest verso est, un budget di 10.000 euro e 6 mesi di tempo per due amici. Accada quel che accada, di altro e di altri che si alterneranno sui vari palcoscenici. Intendiamoci, senza villaggi che villaggi non sono; solo voli Low cost e casuali, locande e appartamenti senza una guida né in ciccia né di carta. E proprio per questo che il libro stesso è una guida come tale si annuncia.


Per noi di Loveat la domanda sorge spontanea: mangiare e bere in questo giro del mondo succederà? Sicuro. Sacco vuoto non sta in piedi, figuriamoci se se si muove… E come? Ecco una traccia interessante: normalmente.
In questo strombazzare continuo di eccellenze del territorio, rarità sibaritiche testimoniate da foto chirurgiche, la normalità è un porto sicuro dove tutti noi poss…